Normative

Gli aggiornamenti di leggi e decreti che riguardano il mondo dei vini, degli spiriti e degli aceti

Con Circolare n. 37259 del 12 aprile 2021 emanata dal Ministero della Transizione Ecologica (MiTE) e condivisa dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF), sono stati forniti alcuni chiarimenti in merito all’applicazione della Tari - di cui all’articolo 1, commi 639 e 668 della legge 27 dicembre 2013, n. 147 - alla luce delle modifiche apportate alla disciplina dal d.lgs. n. 116/2020.

In particolare, il MiTE ha inteso chiarire quali sono i locali in cui si producono rifiuti urbani e quindi che rientrano nel computo della Tari.

Innanzitutto, il Ministero ha precisato che i rifiuti derivanti dalle attività agricole e agroindustriali sono rifiuti speciali e quindi esclusi dall’applicazione del nuovo regime previsto per i rifiuti urbani. In ogni modo, le predette utenze possono concordare a titolo volontario con il servizio pubblico di raccolta modalità di adesione al servizio stesso per le tipologie di rifiuti indicati nell’allegato L-quater della Parte quarta del TUA (solo a titolo d’esempio: rifiuti organici, carta e cartone, plastica, legno, metallo, vetro, imballaggi compositi).

Sono altresì escluse dal computo della Tari le superfici dove avviene la lavorazione industriale, compresi i magazzini di materie prime, di merci e di prodotti finiti, sia con riferimento alla quota fissa che alla quota variabile.

Continuano, invece, ad applicarsi i prelievi sui rifiuti, sia per la quota fissa che variabile, relativamente alle superfici produttive di rifiuti urbani, come ad esempio, mense, uffici o locali funzionalmente connessi alle stesse. A tal proposito, il MiTE ha precisato che resta dovuta solo la quota fissa laddove l’utenza non domestica abbia scelto di conferire i rifiuti urbani al di fuori del servizio pubblico. Ciò significa che le utenze non domestiche hanno la facoltà di conferire i rifiuti urbani presso operatori privati: in questo caso, rimane dovuta la sola quota fissa della Tari. L’utente è tenuto a comunicare formalmente all’ente gestore di ambito ottimale, ove costituito ed operante, ovvero al Comune di appartenenza la scelta di non avvalersi del servizio pubblico di raccolta entro il 31 maggio di ciascun anno; per gli anni successivi, a parere del MiTE la relativa comunicazione dovrebbe essere effettuata l’anno precedente a quello in cui la stessa produce i suoi effetti.

In allegato la Circolare del MiTE.

Grappa: nel 2020 export cresciuto del 13%

23-07-2021 | Trend

L'export di grappa è aumentato del 13% nel 2020 nonostante...

Pubblicato il vademecum vendemmiale ICQRF per la campagna vitivinicola 2021/2022

23-07-2021 | News

Pubblicato sul portale del Mipaaf il vademecum vendemmiale ICQRF per...

"Tra Cielo e Terra", al via il 31 luglio Calici di stelle

23-07-2021 | Itinerari

Con decine di appuntamenti da Nord a Sud della penisola...

Palmucci (Enit): il turismo del vino è cultura, sostenibilità e innovazione

23-07-2021 | Itinerari

"Nel nostro Paese il turismo del vino sta sempre più...

Degustazioni Dop tra i sentieri più nascosti delle terre del Primitivo di Manduria

23-07-2021 | Itinerari

A piedi lungo i sentieri tra le bellezze storiche, naturalistiche...

Enologi ed enotecnici: le novità del Ddl che disegna figure professionali per le sfide future

22-07-2021 | News

Il Parlamento ha all'esame il Ddl su “Ordinamento della professione...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.