Una giornata interamente dedicata al label design per il settore wine and spirits, un excursus visivo tra artwork, video e installazioni. Così Raimondo Sandri, designer e art director, ha svelato lo scorso giovedì 21 marzo a Milano, nel quartiere Brera, cuore del design district, il lavoro di esplorazione che precede la creazione dell’etichetta. Video, immagini ed elementi tridimensionali hanno raccontato la sua personale lettura di un importante supporto alla comunicazione, capace di orientare le scelte di acquisto e strumento essenziale nella percezione.

Un universo estetico, quello di Raimondo Sandri, che cerca la possibilità di nuovi linguaggi, percettivi e sensoriali, per descrivere le qualità del prodotto o del brand con personalità e forza espressiva. Il mondo descritto dagli artwork rappresenta il suo sistema di lavoro, che ha nel trend-forecast e nell’ampia cultura visiva i suoi estremi, e nel quale appare evidente la volontà di sfruttare al massimo le potenzialità dell’etichetta come simbolo e icona, elevandola dal ruolo di supporto alla narrazione decorativa e funzionale.

 “Una ricognizione, in equilibrio tra percezione e sensorialità, che diventa banco di prova nella fase di creazione libera che precede il design commerciale strutturato per il mercato e il consumo” così spiega il suo progetto Raimondo Sandri. “Nel lavoro di trend- forecast, che cerca di porsi come avanguardia, si opera per arrivare a definire nuovi percorsi. In questa fase è necessario conoscere a fondo le regole, i codici, per poterli manipolare e talvolta sovvertire. I riferimenti alla cultura visiva devono essere, come i limiti di un linguaggio, quanto più ampi possibili”.

La sua ricerca spazia dal definire le qualità espressive dei diversi materiali e il loro potenziale di veicoli comunicativi, all’individuare nuovi equilibri tra bottiglia ed etichetta; un rapporto fatto non solo di contrasti, (lucido-opaco, liscio-ruvido, curvo-retto) ma sempre più dell’interazione fra tradizione e innovazione, artigianalità e tecnologia, cultura visiva e marketing.

Conosciamo bene il valore del contenuto di una bottiglia in termini di tempo, dedizione, cultura, sapere, attraverso il lavoro di Raimondo Sandri scopriamo come anche la veste esterna del contenitore possa comportare una ricerca elaborata e profonda nel tentativo di individuare un immaginario o una forma che ne sappia amplificare la personalità; troppo facile è forse la similitudine tra persona-abito e bottiglia-etichetta ma entrambe trasmettono parte della nostra cultura con forza unica tanto da diventarne a volte significato stesso.

Sandri, infatti, da quindici anni si occupa anche di brand design per il settore Wine&Spirits collaborando con aziende italiane e internazionali. Il suo lavoro spazia dalla direzione artistica del brand al design dell’etichetta, dalla progettazione del packaging allo shaping della bottiglia.

Fondo 394/Pnrr Simest: proroga al 31 maggio 2022

03-12-2021 | Normative

Il Comitato Agevolazioni ha prorogato al 31 maggio 2022 l’apertura...

Differiti i termini per i contributi eccedenti l’esonero gennaio-giugno 202i

03-12-2021 | Normative

L’Inps, con messaggio n. 4293 del 2 dicembre 2021, ha...

"L'Oltrepò che Siamo": il primo sito web di storytelling dedicato al territorio pavese

03-12-2021 | Itinerari

Regione Lombardia, Unioncamere Lombardia e Camera di Commercio di Pavia...

Censis, le quattro “transizioni” che cambieranno il Paese

03-12-2021 | News

Dopo il lungo decennio di crisi, con lo sprofondare lento...

Autunno in Lombardia, emozioni nella natura e nella storia

03-12-2021 | Itinerari

L’autunno in Lombardia è il momento perfetto per immergersi nella...

Le bottiglie in vetro più sostenibili del bag-in-box, riciclo nella Ue al 78%

02-12-2021 | Studi e Ricerche

Secondo una ricerca di Wine Intelligence commissionata da Vinexposium, il...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.