Dall'estero

La vigna più alta del mondo è in Tibet. A 3.563 metri d’altitudine, nella contea di Lhasa. A certificarlo è stato il Guinness World Record alla fine di settembre. Un primato, quello della Pure Land & Super-high altitude vineyard’, 

vinto di stretta misura: i vigneti di Colomé in Argentina sono infatti posti a 3.111 metri.

Nei 67 ettari sull’altopiano del Tibet sono coltivate 11 varietà, tra cui Vidal, Muscat e un icewine autoctono chiamato Bei Bing Hong. Gli impianti sono giovani, risalgono al 2012.

Una viticultura estrema, date le condizioni climatiche che impone attente lavorazioni (si usa, tra l’altro, un sistema di irrigazione israeliano). L’azienda produttrice conta di ampliare i terreni vitati a oltre 600 ettari entro il 2022.

Photo credit: Rong Shun Biotechnology Development Ltd 



Conai: dal 2022 ridotto il contributo ambientale per imballaggi

23-10-2021 | News

Il Consiglio di amministrazione CONAI ha deliberato un’ulteriore riduzione del...

Sui social si parla sempre più di food (+57,4%) e di vino (+29,1%)

23-10-2021 | Studi e Ricerche

In questi ultimi anni il settore del food ha lanciato...

Aceto Balsamico di Modena Igp vince il premio Smau all'innovazione

23-10-2021 | News

Aceto Balsamico di Modena sempre più “innovativo”: al video immersivo...

Esonero contributivo per il periodo di febbraio 2021: ecco la circolare INPS

22-10-2021 | Normative

Segnaliamo la pubblicazione della circolare n. 156 del 21 ottobre...

Noli alle stelle, aumenti record per materie prime ed energia: così si rischia di vanificare la ripresa

22-10-2021 | News

Federvini lancia l’allarme sulle prospettive per i vini, gli spiriti e...

Vision 2030, il primo progetto che unisce manager, imprenditori e professionisti del vino

22-10-2021 | News

“Vision 2030 è un progetto esteso ai contributi di professionisti...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.