Dall'estero

La vigna più alta del mondo è in Tibet. A 3.563 metri d’altitudine, nella contea di Lhasa. A certificarlo è stato il Guinness World Record alla fine di settembre. Un primato, quello della Pure Land & Super-high altitude vineyard’, 

vinto di stretta misura: i vigneti di Colomé in Argentina sono infatti posti a 3.111 metri.

Nei 67 ettari sull’altopiano del Tibet sono coltivate 11 varietà, tra cui Vidal, Muscat e un icewine autoctono chiamato Bei Bing Hong. Gli impianti sono giovani, risalgono al 2012.

Una viticultura estrema, date le condizioni climatiche che impone attente lavorazioni (si usa, tra l’altro, un sistema di irrigazione israeliano). L’azienda produttrice conta di ampliare i terreni vitati a oltre 600 ettari entro il 2022.

Photo credit: Rong Shun Biotechnology Development Ltd 



Il cocktail più amato al mondo? Il Negroni non scalza (ancora) l'Old fashioned

21-01-2020 | Arte del bere

Il re dei cocktail classici resta l'Old Fashioned, seguito a...

Frodi: chiarimento del legislatore per gli spumanti "su punta"

20-01-2020 | Normative

L’Ispettorato Repressione Frodi ha diffuso ulteriori chiarimenti, in ordine alla presentazione di...

Consumatori sempre più interessati al vino, ma poco conoscitori

20-01-2020 | Studi e Ricerche

Nonostante i livelli di conoscenza del vino siano in calo...

McDonald's rinnova l'accordo con l'Aceto Balsamico di Modena Igp

20-01-2020 | Trend

Dopo il successo del 2019, con 15 milioni di panini...

Anche il 2019 è stato un anno spumeggiante: bollicine cresciute del 4% a valore

20-01-2020 | News

Nel 2019 la produzione nazionale di vini spumeggianti è cresciuta...

Cabina di regia sul vino: al ministero prima riunione con la filiera

20-01-2020 | News

Primi passi per la cabina di regia sul vino, voluta...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection