Dall'estero

Gli archeologi israeliani vicino a Tel Aviv hanno scoperto un grande laboratorio del 3° secolo d.C., dedicato alla conservazione del vino. Situato vicino alla città di Gedera, a sud di Tel Aviv, il laboratorio di ceramisti sembra essere stato in gran parte dedicato alla produzione di anfore e vasi per lo stoccaggio e la spedizione del vino, che era la principale industria locale in epoca romana e bizantina. Il laboratorio è stato datato al terzo secolo d.C., circa 1.800 anni fa, e apparentemente rimase in produzione fino al IX secolo d.C., passando dal tardo romano al primo periodo bizantino.

L'archeologo Alla Nagorsky ha spiegato che i vasi prodotti lì sono noti come "Gaza" o "giare di Ashkelon", grandi vasi di stoccaggio che hanno preso il nome dall'associazione con il "vino di Gaza", un termine che veniva spesso applicato ai vini di diverse varietà, ma che venivano tutte spedite dai porti di Gaza. I resti di circa 100.000 giare - probabilmente vasi difettosi o scartati dal processo di produzione - sono stati trovati nel sito, così come quattro tavole usate per giocare a mancala o un gioco simile.

I proprietari del laboratorio avevano anche installato una serie di vasche da bagno, che sarebbe state utilizzate dalla popolazione locale e dai viaggiatori. Segno che i loro affari apportavano una notevole ricchezza, oltre ad entrate aggiuntive. Oppure che i proprietari del laboratoriopermettevano ai loro lavoratori di usare i bagni alla fine di una lunga giornata calda nelle fornaci.

Il vino era estremamente importante per l'economia dell'antico Levante e molte delle anfore prodotte nel laboratorio sarebbero state riempite con vino dei vigneti locali e poi imbarcate sulle navi ad Ashkelon e Acri e spedite fino ad Alessandria, Costantinopoli, Roma e forse anche oltre.

L'autorità israeliana per le antichità ha aggiunto che, dato il periodo di tempo in cui il sito era in uso: "La produzione continua di questi vasi probabilmente indica che l'attività era familiare e che passava di generazione in generazione".

 

Mipaaf: oltre 6.700 ettari per i nuovi impianti viticoli del 2020

20-11-2019 | Normative

E' stato pubblicato il decreto del Ministero delle Politiche Agricole...

Ue: oltre 200 milioni per la promozione di prodotti agroalimentari europei nel 2020

20-11-2019 | News

Nel 2020 la Commissione europea stanzierà 200,9 milioni di €...

Dazi Usa: i liquori valgono il 35% dei prodotti alimentari italiani colpiti

19-11-2019 | News

Non ci sono solo i formaggi tra i principali prodotti...

Spirits Europe: timori per la futura riforma fiscale in Nigeria

19-11-2019 | Normative

L’associazione europea Spirits Europe ha segnalato ai Servizi della Commissione...

Brasile: rimandato al 31 dicembre il nuovo certificato di analisi per l'export

18-11-2019 | Normative

Il Ministero brasiliano dell’Agricoltura ha pubblicato un comunicato con il...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection