Dall'estero

Il Bureau National Interprofessionnel de l'Armagnac (BNIA) dal 1° aprile ha aumentato il requisito di età minima per l'Armagnac XO da sei a 10 anni, seguendo la filosofia del Cognac. L'ente spera che  questa decisione contribuisca ad aumentare il "valore della denominazione" e enfatizzare le "reali differenze" tra le sue classificazioni come VS, VSOP e Napoleone.

Ovviamente, le bottiglie di Armagnac XO già prodotte e con un minimo dichiarato di sei anni potranno essere vendute fino a esaurimento scorte, tuttavia qualsiasi bottiglia XO dal 1 ° aprile deve seguire le nuove linee guida sull'invecchiamento.

"Era diventato essenziale ormai – ha dichiarato Marc Darroze, presidente del BNIA – portare la realtà dell'invecchiamento dell'Armagnac e delle miscele dei nostri operatori più vicine alle denominazioni. Questo è un modo per tutti gli operatori di valutare più chiaramente questi Armagnac che, per la maggior parte, sono miscele di acquavite più vecchie di 10 anni. È anche più coerente offrire agli appassionati dello spirit in Francia e soprattutto nei mercati di esportazione una certa omogeneità nelle denominazioni".

L'età minima delle miscele di armagnac è ​​ora la seguente:

VS e *** - 1-3 anni
VSOP - 4-9 anni
Napoleone - 6-9 anni
XO, Hors d'Age e Vintages - 10+ anni

Le nuove normative assimilano così i requisiti di invecchiamento dell'Armagnac a quelle del Cognac, che a sua volta ha aumentato la sua classificazione XO da sei a 10 anni quest'anno.

La necessità del cambiamento è stata proposta per la prima volta nel 2011 e l'interim è stato quello di consentire ai marchi di adattarsi al cambiamento, anche se molti produttori stavano già utilizzando eaux-de-vie di 10 anni per i propri XO. La designazione di Cognac "Napoleon" rimarrà invariata con l'età minima richiesta per lo spirito invecchiato da sei anni.

Pic-nic superlusso con il contenitore per spumante (e caviale) firmato Rolls-Royce

21-05-2019 | Arte del bere

Un cestello per spumante, seppure di materiale pregiato? Banale. Un...

Torino Cocktail Week: una settimana per celebrare spiriti e mixology

21-05-2019 | Arte del bere

Si è da poco conclusa la Firenze Cocktail Week e...

Il frappuccino di Starbucks? Adesso si paga in Bitcoin

18-05-2019 | Trend

Pagare un frappuccino in bitcoin? Si può fare. Basta aver...

Vinitaly International: a fine giugno a New York un nuovo corso per Wine Ambassador

16-05-2019 | Arte del bere

La Vinitaly International Academy (VIA), associazione che promuove il vino...

Dal '700, con 10mila documenti, la storia rivive al MIMA - Museo d’Impresa Mastroberardino

16-05-2019 | News

La riforma del sistema agricolo del Regno di Napoli; la...

Consorzio di Tutela dell’Aceto Balsamico di Modena Igp: confermata la presidente Grosoli

16-05-2019 | News

L’Assemblea che ha rinnovato il Consiglio di Amministrazione conferma l’importante lavoro...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection