Dall'estero

Subito dopo la vittoria del Partito Laburista, che ha ottenuto una delle maggioranze più ampie della sua storia alle ultime elezioni britanniche, il WSTA (Wine and Spirit Trade Association) ha invitato il nuovo governo a porre il commercio del vino e degli alcolici al centro del suo programma di crescita. Durante la campagna elettorale, il primo ministro entrante Keir Starmer e il futuro Cancelliere dello Scacchiere Rachel Reeves hanno voluto concentrarsi sulla crescita economica come elemento chiave della loro amministrazione.

Il WSTA ha sottolineato come nel 2022 l'industria britannica del vino e degli alcolici abbia generato 22 miliardi di sterline di valore aggiunto lordo e abbia contribuito all'attività economica per 76,3 miliardi di sterline, oltre a creare quasi mezzo milione di posti di lavoro. L’associazione ha tuttavia dichiarato che è necessario "agire con urgenza" per bloccare le "modifiche non necessarie" previste sulla tassazione del vino nel febbraio 2025 e per "chiarire" la confusione sulle norme relative agli imballaggi dei rifiuti.

Il WSTA ha avvertito che le modifiche in arrivo all'imposta sul vino potrebbero essere "fatali" per alcune aziende, in particolare per le più piccole, e comporteranno un ulteriore aumento dei prezzi per i consumatori.

"I laburisti si sono impegnati a sostenere le imprese con un ambiente politico stabile e un approccio alla tassazione che consenta una pianificazione a lungo termine - ha dichiarato Miles Beale, amministratore delegato del WSTA -. Siamo d'accordo e chiediamo ai nuovi ministri di attenersi a questi principi per tutta la durata del nuovo Parlamento, iniziando con il rendere permanente la servitù temporanea per l'imposta sul vino e ritardando il regime di "responsabilità estesa del produttore" (EPR) per garantire che sia adatto allo scopo. Il nuovo governo deve dimostrare rapidamente il suo impegno a garantire la stabilità promessa alle imprese, rispondendo alle richieste di sostegno, partenariato e chiarezza del nostro settore". Beale ha detto che il WSTA vuole lavorare con i laburisti soprattutto per quanto riguarda le modifiche fiscali di febbraio, che vedranno l'imposta unica sul vino tra l'11,5% e il 14,5% ABV sostituita da 30 importi diversi.

Il WSTA ha descritto la mossa, introdotta dall'ex premier Rishi Sunak quando era cancelliere, come "non gestibile" e "pura follia". L'associazione ha inoltre dichiarato di voler lavorare per ridurre l'impatto dei rifiuti da imballaggio e di voler collaborare con il governo per definire tempi "realistici" per l'ambizioso pacchetto di misure previste dalla politica di responsabilità estesa del produttore (EPR).

Le imprese del Regno Unito sono già soggette agli obblighi previsti dall'EPR, ma molti dei dettagli necessari per aiutare le imprese a pianificare e a mettere a bilancio le nuove regole, stabilite dal precedente governo, non sono ancora stati pubblicati. Inoltre, non è ancora chiaro cosa cambierebbe con i laburisti.

foto freepik

 

 

 

 

 

Alla scoperta dei vini e degli spiriti sulle colline del Monferrato

10-07-2024 | Itinerari

Il Monferrato, nel cuore del Piemonte, è una delle regioni...

I Colli Euganei riconosciuti come Riserva Mondiale della Biodiversità Unesco

09-07-2024 | Arte del bere

Dall'8 luglio i Colli Euganei sono ufficialmente una Riserva Mondiale...

Addio a Benito Nonino, l'uomo che ha trasformato la Grappa in un simbolo di eccellenza

08-07-2024 | News

Nella notte scorsa il mondo della distillazione e della cultura...

Led e Uhph, la tecnologia in campo per garantire la qualità dei vini

08-07-2024 | Studi e Ricerche

Il Centro Tecnologico del Vino (Vitec) ha completato due importanti...

I millennials americani sono la nuova frontiera dell'investimento in fine wines

08-07-2024 | Trend

Una recente indagine di Bank of America Private Bank ha...

Il Brasile verso una nuova tassazione sulle bevande alcoliche

08-07-2024 | Estero

Le bevande alcoliche in Brasile saranno soggette a una nuova...

Please publish modules in offcanvas position.