Dall'estero

Il governo sudafricano ha imposto un terzo divieto di vendita di alcolici sul mercato interno, una mossa intesa a contrastare la diffusione dei  casi di Covid. Pronta la reazione del Vinpro - ente di rappresentanza dei produttori - secondo il quale la decisione avrà "conseguenze disastrose" per il settore.

Il 28 dicembre il presidente del Sud Africa, Cyril Ramaphosa, ha annunciato che il paese tornerà al livello di allarme Covid tre poiché il numero di casi di coronavirus confermati nella nazione supera il milione.

Di conseguenza, le vendite interne e fuori commercio di alcolici sono state vietate e le attività non essenziali come i ristoranti devono ora chiudere alle 20:00. Il governo ha stabilito un coprifuoco tra le 21:00 e le 6:00.

Le esportazioni di vini e spiriti, tuttavia, possono continuare così come il trasporto per lo stoccaggio. Il livello di allerta sarà in vigore fino al 15 gennaio.

Nel suo discorso, il presidente Ramaphosa ha riconosciuto che il settore degli alcolici è "importante per l'occupazione", ma in questo momento la priorità è "salvare vite umane".

"L'eccessivo consumo di alcol ha ripercussioni anche sull’attività degli ospedali", ha detto. “Secondo i dati che abbiamo, gli incidenti e la violenza legati all'alcol stanno mettendo sotto pressione le nostre unità di emergenza ospedaliere ".

L'ente di settore Vinpro ha ricordato che il mese scorso il Sud Africa è rimasto con oltre 250 milioni di litri di vino invenduto dopo che precedenti vendite di alcolici e divieti di esportazione hanno causato interruzioni nella catena di approvvigionamento.

Vinpro ha inoltre espresso frustrazione per il fatto che le sue proposte di controllare, e non vietare, la vendita di alcolici non erano state prese in considerazione dal governo.

L'amministratore delegato Rico Basson ha dichiarato: "Condividiamo la preoccupazione del Presidente per l'improvviso e grave picco di casi positivi di Covid-19 e di decessi correlati e comprendiamo la necessità di misure drastiche per affrontarlo, ma siamo delusi e profondamente preoccupati dall'approccio generale con riguardo al commercio di alcolici che il governo ha preso ancora una volta per frenare la diffusione della pandemia”.

Basson stima che i due precedenti divieti di vendita, così come un periodo durante il quale sono state vietate anche le esportazioni, hanno causato l’equivalente di circa 420 milioni di euro di mancate vendite, nonché "significative perdite di posti di lavoro" in cantine e imprese turistiche. Il divieto di vendita farebbe "un danno economico incalcolabile" a un settore già in difficoltà.

La South African Liquor Brandowners Association (SALBA) condivide le preoccupazioni di Vinpro sul commercio illecito di alcolici.

Tutti al FestiValle

30-07-2021 | Itinerari

Dal tramonto all'alba, tra ulivi e mandorli secolari immersi tra...

Agroalimentare: recepita la direttiva contro le pratiche commerciali sleali

30-07-2021 | News

È stato approvato  in Consiglio dei Ministri, su proposta del...

Quattro drink estivi che sanno di Monferrato

30-07-2021 | Arte del bere

Quattro cocktail dal sapore autentico, una drink list che omaggi il #monferratoautentico. Le...

Ecco la prossima Pac, spiegata punto per punto

30-07-2021 | News

Sono state diramate, nei giorni scorsi, le prime versioni dei...

Ristrutturazione e riconversione dei vigneti: scadenza spostata al 2 agosto

30-07-2021 | Normative

Con la nota n. 53778 del 29 luglio 2021 di...

Flessibilità Ocm vino: la filiera chiede proroga per la presentazione varianti

29-07-2021 | News

Conto alla rovescia per l'approvazione del decreto Mipaaf sulla Flessibilità...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.