Dall'estero

The Alcohol and Tobacco Tax and Trade Bureau (TTB) ha aggiornato la sua politica per consentire ai produttori di etichettare i loro alcolici come "senza glutine" se sono prodotti con cereali contenenti glutine, una mossa che si dice fornisca "maggiore flessibilità" per l'industria .

La decisione arriva tre mesi dopo che la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha stabilito che gli alimenti distillati a base di cereali contenenti glutine possono essere etichettati come "privi di glutine".

Come regola applicata agli alimenti distillati, gli alcolici potevano utilizzare l'etichettatura senza glutine solo se erano realizzati con ingredienti che non contengono glutine, come uva, mais o patate.

A seguito della mossa della FDA, l'ente commerciale del Distilled Spirits Council degli Stati Uniti (Discus) ha esortato il TTB a seguire l'esempio e a incorporare la regola nella sua politica.

Il TTB ha aggiornato la sua regola questa settimana (13 ottobre) in risposta ai cambiamenti della FDA. È stato accolto con favore da Discus che ha affermato che la revisione fornisce "ulteriore chiarezza per i consumatori".

"Lodiamo l'ufficio per la rapida azione nell'aggiornamento della politica di etichettatura "senza glutine" per gli alcolici distillati e per aver riconosciuto in modo appropriato e conclusivo che il processo di distillazione rimuove il glutine dai prodotti degli alcolici distillati", ha affermato Chris Swonger, CEO e presidente di Discus.

“Questa mossa fornisce ulteriore chiarezza per i consumatori e consente maggiori informazioni per aiutarli a prendere decisioni informate su quali prodotti soddisfano le loro esigenze dietetiche. Questo aggiornamento della politica offre anche una maggiore flessibilità per i membri del settore nell'etichettatura dei loro prodotti".

Il TTB ha affermato che consentirà agli alcolici di essere etichettati come "senza glutine" a condizione che vengano seguite buone pratiche di produzione che impediscono a qualsiasi materiale contenente glutine di entrare nel prodotto finale.

Inoltre, TTB continuerà a consentire etichette e pubblicità per prodotti fermentati da cereali contenenti glutine per affermare che il prodotto è stato trasformato per rimuovere il glutine. Il TTB ha detto che la documentazione obbligatoria sarà necessaria per provare la richiesta.

 

Liv-ex Power 100: tornano in evidenza le etichette classiche, l’Italia regge

27-11-2021 | Arte del bere

L'ultima edizione del Liv-ex Power 100, il sito di scambio...

Riparte l’export agroalimentare Ue: in Usa export trainato da vino, distillati e liquori

27-11-2021 | Trend

Riprendono slancio le esportazioni agroalimentari Ue. Secondo i dati della Commissione...

Patuanelli: la Francia potrebbe fare un passo indietro sul Nutriscore

27-11-2021 | News

"La Francia potrebbe fare un passo indietro rispetto al Nutriscore". Lo...

Trieste: esperienze outdoor tra il mare e il Carso

26-11-2021 | Itinerari

Trieste è una città di mare, ma non solo. Alle...

Il Prosecco rosé più amato dagli inglesi? E’ quello di Kylie Minogue

25-11-2021 | Estero

C'è un Prosecco rosé che ha letteralmente "sbancato" nel Regno...

Craft-mania negli Usa: previsto un balzo per gli alcolici artigianali

25-11-2021 | Trend

Nel 2020 i liquori artigianali negli Stati Uniti hanno incrementato...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.