Dall'estero

The Alcohol and Tobacco Tax and Trade Bureau (TTB) ha aggiornato la sua politica per consentire ai produttori di etichettare i loro alcolici come "senza glutine" se sono prodotti con cereali contenenti glutine, una mossa che si dice fornisca "maggiore flessibilità" per l'industria .

La decisione arriva tre mesi dopo che la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha stabilito che gli alimenti distillati a base di cereali contenenti glutine possono essere etichettati come "privi di glutine".

Come regola applicata agli alimenti distillati, gli alcolici potevano utilizzare l'etichettatura senza glutine solo se erano realizzati con ingredienti che non contengono glutine, come uva, mais o patate.

A seguito della mossa della FDA, l'ente commerciale del Distilled Spirits Council degli Stati Uniti (Discus) ha esortato il TTB a seguire l'esempio e a incorporare la regola nella sua politica.

Il TTB ha aggiornato la sua regola questa settimana (13 ottobre) in risposta ai cambiamenti della FDA. È stato accolto con favore da Discus che ha affermato che la revisione fornisce "ulteriore chiarezza per i consumatori".

"Lodiamo l'ufficio per la rapida azione nell'aggiornamento della politica di etichettatura "senza glutine" per gli alcolici distillati e per aver riconosciuto in modo appropriato e conclusivo che il processo di distillazione rimuove il glutine dai prodotti degli alcolici distillati", ha affermato Chris Swonger, CEO e presidente di Discus.

“Questa mossa fornisce ulteriore chiarezza per i consumatori e consente maggiori informazioni per aiutarli a prendere decisioni informate su quali prodotti soddisfano le loro esigenze dietetiche. Questo aggiornamento della politica offre anche una maggiore flessibilità per i membri del settore nell'etichettatura dei loro prodotti".

Il TTB ha affermato che consentirà agli alcolici di essere etichettati come "senza glutine" a condizione che vengano seguite buone pratiche di produzione che impediscono a qualsiasi materiale contenente glutine di entrare nel prodotto finale.

Inoltre, TTB continuerà a consentire etichette e pubblicità per prodotti fermentati da cereali contenenti glutine per affermare che il prodotto è stato trasformato per rimuovere il glutine. Il TTB ha detto che la documentazione obbligatoria sarà necessaria per provare la richiesta.

 

Dal 30 novembre le domande di stoccaggio privato dei vini DOP e IGT

28-11-2020 | News

È stata pubblicata la circolare AGEA n. 78889 del 27...

Effetto Covid: per vino e spiriti valori quasi dimezzati nel fuori casa

27-11-2020 | News

L’anno peggiore di sempre per i vini e gli spiriti...

Mipaaf conferma l’incarico al Consorzio tutela vini d’Irpinia

27-11-2020 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 26 novembre 2020 è stato...

Consorzio Aceto Balsamico di Modena Igp: armi più affilate contro la contraffazione

27-11-2020 | News

I dati relativi all’attività di salvaguardia e vigilanza svolto dal...

A Bilbao il tour virtuale della nuova mostra Kandisky

27-11-2020 | Itinerari

Il Museo Guggenheim Bilbao presenta Kandinsky, una completa esposizione di dipinti...

Pubblicati i dati relativi alle giacenze di vini e mosti 2020

26-11-2020 | Studi e Ricerche

Sul sito del Mipaaf sono stati pubblicati i dati relativi alle giacenze...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.