Dall'estero

Un gin prodotto riciclando birra che sarebbe rimasta inutilizzata. È quanto sta facendo un birrificio giapponese per fronteggiare le conseguenze dell’epidemia Covid.

La chiusura di bar e ristoranti ha drasticamente ridotto il consumo di birra. Prodotto deperibile, che dopo qualche mese non può più venir consumato. Con tempi di shelf life anche più brevi per le birre non pastorizzate.

L'associazione Brasseurs de France, che rappresenta circa il 98% del settore della birra francese, ha avvertito che 10 milioni di litri di birra stanno per andare sprecati, mentre il mese scorso nel Regno Unito si è stimato che 50 milioni di pinte sono bloccate nei pub del paese.

L’azienda giapponese ha reso noto che per ogni 100 litri di birra, può distillare 8 litri di gin.

Cantine e vigne: l'identikit dell'enoturista e le "ricette" post-Covid

29-05-2020 | Arte del bere

Dopo un buon 2019 che in Italia ha visto salire...

Agea aggiorna e integra i precedenti provvedimenti

29-05-2020 | Normative

Con circolare n. 36399 del 28 maggio 2020 Agea Coordinamento...

Covid-19, riepilogo normativa in vigore al 28 maggio

29-05-2020 | Normative

In allegato il documento di riepilogo della normativa adottata sia...

Il turismo del vino riparte con il la "terapia del paesaggio": trekking nelle vigne e degustazioni

29-05-2020 | Itinerari

L’emergenza Covid-19, secondo un’indagine condotta dal Movimento Turismo del Vino...

Vittoria per l'Aceto Balsamico di Modena Igp in Germania

28-05-2020 | News

La Suprema Corte Federale tedesca conferma la piena tutelabilità dell’Aceto...

Asolo Prosecco, al via il nuovo piano del "cru" di collina

28-05-2020 | News

Dopo aver superato i 17 milioni di bottiglie nel 2019...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection