Dall'estero

Lo spumante si è fatto strada nel mercato del Regno Unito da circa un decennio. Ora sta affrontando una seria sfida al suo primato (-1% nel 2018), minacciato dal boom del gin come aperitivo e dai consumatori che cercano di ridurre la loro assunzione di alcol. Secondo Wine Intelligence, proprio il superalcolico a base di ginepro mixato con acqua tonica sta invadendo il momento dell'aperitivo e del dopocena. Se si volesse costruire un diagramma di Venn delle tre principali tendenze dell'alcol: "bere meno ma meglio", "locale" e "artigianato", proprio la categoria del gin risiederebbe comodamente al centro. I marchi di gin mainstream nel Regno Unito stanno diventando abili nell'enfatizzare le loro credenziali locali e artigianali, prendendo in prestito il linguaggio della birra artigianale. 

Ma non solo. I consumatori ormai prediligono la qualità rispetto alla quantita, soprattutto quelli più giovani sotto i 35 anni. Infatti, a fronte del calo dei volumi, il prezzo al dettaglio di una bottiglia di spumante è aumentato del 4%, allineandosi con le tendenze più generali della premiumizzazione nel settore vitivinicolo. I consumatori stanno spendendo di più negli acquisti on e off per molti tipi di spumante. Alla base di questa tendenza c'è un più ampio movimento sociale e culturale verso un consumo di alcol inferiore e prodotti locali "artigianali", che spesso indicano un focus specifico sul marchio come l'impegno per l'ambiente o un particolare legame culturale o storico.

Al contrario lo spumante inglese è in aumento, grazie alle preferenze dei giovani e benestanti urbanizzati. Inoltre, come bevanda costosa, locale e artigianale, sembra adattarsi esattamente al mood del momento. Tuttavia, con la categoria ancora agli inizi, la disponibilità, la distribuzione e il riconoscimento del marchio rimangono gli ostacoli per diventare una bevanda di largo consumo. I consumatori infatti guardano per lo più a segnali di acquisto rassicuranti, come per esempio se uno spumante ha vinto un premio o se il marchio è riconoscibile, per guidare il proprio processo decisionale. Sebbene lo Champagne rimanga il prodotto da celebrazione di prima scelta per molti consumatori abituali inglesi di spumanti, la categoria delle bollicine britanniche è sempre più riconosciuta come legittima alternativa allo Champagne a prezzi comparabili.

Le prove di questo rapporto sul mercato degli spumanti nel 2019 del Regno Unito suggeriscono anche un riposizionamento dello Champagne nella mente dei consumatori. In linea con la tendenza del "bere di meno ma meglio", il prezzo medio dello Champagne sta salendo, aiutato da un forte calo dei volumi di bottiglie inferiori a £ 20 vendute nei supermercati tradizionali. Lo stesso vale per il Cava, che sta iniziando a perdere la sua immagine precedente di prodotto a basso prezzo. Mentre, al momento, il Prosecco non è ancora riuscito a convincere i consumatori che anche lui può salire la scala dei prezzi. Rispetto al Cava, il Prosecco ha un'impressione migliore sugli altri, più popolare tra i coetanei e più alla moda, ma la sua percezione del prezzo rimane identica a quella della sua controparte spagnola.

Infine, nessuna discussione sul mercato degli spumanti del Regno Unito può essere completa senza riconoscere il contesto politico altamente incerto e instabile dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea. La probabilità di un'uscita disordinata sta aumentando rapidamente. Questo risultato porterà quasi certamente a una significativa recessione economica nel Regno Unito e probabilmente anche a un declino a breve termine della spesa discrezionale. Entrambi i fattori colpiranno inevitabilmente i volumi di spumanti (che sono già sotto pressione) e potrebbero anche invertire la tendenza positiva degli scambi degli ultimi anni.

 

Chiarimenti sulle regole di distillazione e riduzione delle rese

26-05-2020 | Normative

Venerdì 22 maggio si è tenuta una riunione convocata dal...

I consigli di Liv-ex per adattare le strategie di vendita al periodo post Covid

25-05-2020 | Trend

La pandemia Covid negli ultimi tre mesi ha radicalmente mutato...

Arriva la app per la gestione digitale della cantina

25-05-2020 | Trend

Fase 2: una “foodtech company” al fianco dei ristoratori per...

Cantina Italia, giacenze in calo del 1,5% rispetto al 14 maggio

25-05-2020 | Studi e Ricerche

Alla data del 21 maggio 2020 negli stabilimenti enologici italiani...

Punto per punto tutte le misure contenute nel Dl Rilancio

22-05-2020 | News

Il Decreto legge Rilancio è stato pubblicato pubblicato in Gazzetta...

Giappone, da giugno in vigore la lista delle materie ammesse per i packaging alimentari

22-05-2020 | Estero

A partire dal primo giugno 2020, entrerà in vigore in Giappone...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection