Dall'estero

L'Unione europea esorta l'Australia a riconoscere le indicazioni geografiche di prodotti come il whisky irlandese e il cognac nell'ambito dei negoziati di libero scambio in corso. I colloqui tra Australia e Unione Europea (Ue) per concordare un accordo di libero scambio tra i due paesi sono iniziati l'anno scorso. Nell'ambito dell'accordo proposto, l'Ue si augura che in Australia vengano applicate anche le indicazioni geografiche (IG) sui prodotti.

Secondo il diritto dell'Ue, alcuni prodotti sono protetti e devono essere prodotti secondo un determinato insieme di regole per portarne il nome. Il dipartimento degli affari esteri e del commercio del governo australiano ha pubblicato un elenco di 408 prodotti che attualmente hanno uno status protetto in Europa, tra cui il Somerset Cider Brandy, la vodka svedese, il brandy de Jerez, il cognac e la grappa. Le IG del vino dell'UE sono già protette in Australia.

Il ministro australiano del commercio, del turismo e degli investimenti, Simon Birmingham, questa settimana ha aperto una consultazione pubblica sull'elenco dei prodotti IG, dichiarando: "Vogliamo ascoltare direttamente gli agricoltori e le imprese australiane in modo da poterli rappresentare pienamente nei nostri continui negoziati con l'Ue. Esistono enormi opportunità per gli agricoltori e le imprese australiani se possiamo migliorare il loro accesso ai mercati in tutta l'Unione Europea. L'Ue vanta oltre 500 milioni di consumatori e, nonostante le restrizioni commerciali esistenti, è già il terzo mercato di esportazione dell'Australia. Sebbene comprendiamo l'importanza che l'Ue attribuisce alle indicazioni geografiche, la nostra priorità è garantire ai nostri agricoltori e alle nostre imprese un migliore accesso al mercato e una maggiore competitività." E ha aggiunto che il processo di consultazione consentirà ai negoziatori di "comprendere meglio le opinioni dell'industria australiana".

La fase finale dei negoziati per l'ALS avrà luogo a ottobre. Come blocco di Stati, l'Ue è attualmente il secondo partner commerciale dell'Australia, dopo la Cina, e la sua terza destinazione di esportazione. L'anno scorso, l'Australia e l'Ue hanno intrattenuto scambi bilaterali di beni e servizi per un valore di 109 miliardi di AU (73 miliardi di USD). Secondo Bruxelles, se venisse firmato un accordo di libero scambio, i commerci tra l'Australia e l'Unione potrebbero aumentare fino al 37%. Il commercio di servizi, nel frattempo, potrebbe aumentare dell'8%.

 

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection