Dall'estero

Il Distilled Spirits Council degli Stati Uniti (DISCUS) ha ricevuto un finanziamento aggiuntivo di 400mila dollari per far fronte all'impatto delle tariffe commerciali di ritorsione, portando il totale assegnato da gennaio all'organizzazione a $1.215.000. L'organismo commerciale ha presentato, infatti, un'ulteriore domanda di finanziamento per il programma commerciale agricolo dell'USDA, un regime progettato per aiutare i gruppi agricoli che sono interessati dalle tariffe.

Commentando la notizia, Chris Swonger, presidente e amministratore delegato del Distilled Spirits Council, ha dichiarato: "Apprezziamo il riconoscimento dell'USDA che gli impatti negativi delle tariffe di ritorsione sugli spiriti statunitensi stanno minacciando gravemente quella che è stata una grande storia di successo commerciale americana", aggiungendo che dall'imposizione delle tariffe di ritorsione del 25% dell'Unione europea sul whisky americano oltre un anno fa, le esportazioni verso l'UE sono diminuite del 19%. "Sebbene questo finanziamento contribuirà a mitigare alcuni degli impatti negativi delle tariffe di ritorsione, continuiamo a sollecitare i responsabili politici statunitensi e i nostri partner commerciali a porre fine a queste tariffe onerose". Il DISCUS ha dichiarato che utilizzerà i soldi per attuare promozioni sull'esportazione, comprese ricerche di mercato, campagne mediatiche e promozioni sul mercato nei settori chiave.

Nel luglio dello scorso anno, la Commissione europea ha imposto una tariffa sulle importazioni di bourbon e whisky americano, come ritorsione alla decisione del presidente Donald Trump di imporre una tassa del 25% sulle importazioni di acciaio. Nel marzo 2018, il presidente Trump ha imposto un dazio all'importazione del 25% sull'acciaio e un dazio del 10% sull'alluminio in Europa, Messico e Canada. A maggio 2019, il DISCUS ha "accolto" con favore la notizia che il Canada e il Messico avrebbero abrogato le tariffe di ritorsione sul whisky americano.

Nel febbraio di quest'anno, il DISCUS ha invitato il governo degli Stati Uniti a risolvere le tariffe di esportazione "dannose" che hanno causato una "forte flessione" delle esportazioni di whisky verso il suo più grande mercato di esportazione. Secondo le statistiche pubblicate dall'organizzazione, il mercato dell'UE, la maggiore destinazione di esportazione per il whisky americano del valore di circa $ 675 milioni, ha visto una forte flessione dopo l'introduzione delle tariffe l'anno scorso. Le esportazioni verso l'UE sono diminuite dell'8,7% a $ 312 milioni da $ 363 milioni tra luglio e novembre 2018, rispetto allo stesso periodo del 2017.

 

Confindustria: caduta del Pil al 6% - Ecco i possibili effetti del piano straordinario Ue

31-03-2020 | News

Economia italiana colpita al cuore. Uno shock imprevedibile ha colpito l’economia...

Agea proroga termine presentazione domande autorizzazioni nuovi impianti

31-03-2020 | Normative

Si informa che, con circolare n. 23775 del 30 marzo...

Moratoria di legge ex Articolo 56 DL 18/2020: le risposte del MEF

31-03-2020 | Normative

Il MEF ha pubblicato (al seguente link) alcuni chiarimenti in...

Covid-19: riepilogo normativa in vigore al 30 marzo 2020

31-03-2020 | News

In allegato il documento di riepilogo della normativa adottata sia...

La Francia riconosce formalmente i "vini naturali"

30-03-2020 | Estero

 In Francia i vignaioli naturali, al termine di una battaglia...

Ismea, a rischio esportazioni per quasi un miliardo di euro

30-03-2020 | News

Il susseguirsi degli eventi conseguenti al diffondersi del Covid-19 in...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection