Dall'estero

Il Distilled Spirits Council degli Stati Uniti (DISCUS) ha ricevuto un finanziamento aggiuntivo di 400mila dollari per far fronte all'impatto delle tariffe commerciali di ritorsione, portando il totale assegnato da gennaio all'organizzazione a $1.215.000. L'organismo commerciale ha presentato, infatti, un'ulteriore domanda di finanziamento per il programma commerciale agricolo dell'USDA, un regime progettato per aiutare i gruppi agricoli che sono interessati dalle tariffe.

Commentando la notizia, Chris Swonger, presidente e amministratore delegato del Distilled Spirits Council, ha dichiarato: "Apprezziamo il riconoscimento dell'USDA che gli impatti negativi delle tariffe di ritorsione sugli spiriti statunitensi stanno minacciando gravemente quella che è stata una grande storia di successo commerciale americana", aggiungendo che dall'imposizione delle tariffe di ritorsione del 25% dell'Unione europea sul whisky americano oltre un anno fa, le esportazioni verso l'UE sono diminuite del 19%. "Sebbene questo finanziamento contribuirà a mitigare alcuni degli impatti negativi delle tariffe di ritorsione, continuiamo a sollecitare i responsabili politici statunitensi e i nostri partner commerciali a porre fine a queste tariffe onerose". Il DISCUS ha dichiarato che utilizzerà i soldi per attuare promozioni sull'esportazione, comprese ricerche di mercato, campagne mediatiche e promozioni sul mercato nei settori chiave.

Nel luglio dello scorso anno, la Commissione europea ha imposto una tariffa sulle importazioni di bourbon e whisky americano, come ritorsione alla decisione del presidente Donald Trump di imporre una tassa del 25% sulle importazioni di acciaio. Nel marzo 2018, il presidente Trump ha imposto un dazio all'importazione del 25% sull'acciaio e un dazio del 10% sull'alluminio in Europa, Messico e Canada. A maggio 2019, il DISCUS ha "accolto" con favore la notizia che il Canada e il Messico avrebbero abrogato le tariffe di ritorsione sul whisky americano.

Nel febbraio di quest'anno, il DISCUS ha invitato il governo degli Stati Uniti a risolvere le tariffe di esportazione "dannose" che hanno causato una "forte flessione" delle esportazioni di whisky verso il suo più grande mercato di esportazione. Secondo le statistiche pubblicate dall'organizzazione, il mercato dell'UE, la maggiore destinazione di esportazione per il whisky americano del valore di circa $ 675 milioni, ha visto una forte flessione dopo l'introduzione delle tariffe l'anno scorso. Le esportazioni verso l'UE sono diminuite dell'8,7% a $ 312 milioni da $ 363 milioni tra luglio e novembre 2018, rispetto allo stesso periodo del 2017.

 

Aumento dell'Iva: cosa rischiano le aziende del vino

20-08-2019 | News

Uno degli elementi in discussione, durante queste giornate di crisi...

Il Cognac celebra il quinto anno consecutivo in crescita

19-08-2019 | Trend

Le esportazioni di cognac sono aumentate per il quinto anno...

Whisky giapponese, nuova vendita record da 1 milione di dollari

19-08-2019 | Arte del bere

La casa di aste Bonhams Hong Kong ha stabilito un...

Ecco il Mother Vine Wine, il vino dalla più antica vite d’America (400 anni)

18-08-2019 | Estero

La chiamano Mother Vine ed è la vite più antica...

I bambini costruiscono giocattoli sonori al Ferrara Buskers Festival

16-08-2019 | Itinerari

I bambini sperimentano la musica di strada partecipando ai BuskeriniLab, una...

Scende in tutto il mondo il numero di minorenni che fanno uso di alcolici

16-08-2019 | Studi e Ricerche

Il consumo di alcolici da parte di minori diminuisce in...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection