Dall'estero

Lo scorso 15 febbraio il Galles ha annunciato di voler andare avanti nell’introduzione dell’unità minima di prezzo sulle bevande alcoliche. Il Governo del Galles proporrà all’Assemblea nazionale di approvare l’applicazione del “minimum unit price”; nel frattempo il Regno Unito ha notificato attraverso la procedura WTO la bozza di regolamento sull’unità minima di prezzo. Questa misura prende le mosse dall’approvazione dello scorso giugno 2018 del provvedimento “Public Health ( Minimun price for Alcohol) Wales Bill”. 

Come avevamo già riferito in un precedente articolo, la nuova legislazione, sul modello scozzese, fissa un prezzo minimo di 50 penny (circa 70 centesimi) per unità di alcol.
Source: https://www.federvini.it/news-cat/782-dopo-la-scozia,-anche-il-galles-adotta-il-prezzo-minimo-per-gli-alcolici

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection