Dall'estero

Lo scorso 15 febbraio il Galles ha annunciato di voler andare avanti nell’introduzione dell’unità minima di prezzo sulle bevande alcoliche. Il Governo del Galles proporrà all’Assemblea nazionale di approvare l’applicazione del “minimum unit price”; nel frattempo il Regno Unito ha notificato attraverso la procedura WTO la bozza di regolamento sull’unità minima di prezzo. Questa misura prende le mosse dall’approvazione dello scorso giugno 2018 del provvedimento “Public Health ( Minimun price for Alcohol) Wales Bill”. 

Come avevamo già riferito in un precedente articolo, la nuova legislazione, sul modello scozzese, fissa un prezzo minimo di 50 penny (circa 70 centesimi) per unità di alcol.
Source: https://www.federvini.it/news-cat/782-dopo-la-scozia,-anche-il-galles-adotta-il-prezzo-minimo-per-gli-alcolici

Confindustria, produzione industriale negativa (-2,3%) in novembre

01-12-2020 | Studi e Ricerche

La produzione industriale italiana, dopo il recupero rilevato in ottobre...

In Gazzetta il Ristori quater con la proroga dell'Irap

01-12-2020 | News

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale - e dunque già in vigore...

Spiriti: momento cruciale per riduzione accise e cancellazione del contrassegno

01-12-2020 | News

Il Governo ed il Parlamento hanno la possibilità di testimoniare...

Il Prosecco Docg di Valdobbiadene fa rete con un portale unico di e-commerce

01-12-2020 | Arte del bere

Il Prosecco Docg a Valdobbiadene fa rete e va in...

La nuova Spa? È al vin brulé

30-11-2020 | Trend

Un bel bagno nel vin brulé, che c'è di meglio...

Chianti Classico: firmato protocollo d'intesa con il Consolato Usa sulla wine education

30-11-2020 | Arte del bere

Il Consorzio Vino Chianti Classico è uno degli interlocutori coinvolti...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.