Dall'estero

Pugno di ferro della polizia cinese contro i vini contraffatti. I media locali hanno annunciato il sequestro di etichette falsificate per un valore complessivo superiore ai 100 milioni RMB, pari a 14,4 milioni di dollari.

I vini contraffatti erano stati prodotti a Shangqiu e venduti in 17 diverse province cinesi tra cui Guangzhou e Shandong via WeChat, la più popolare app di messaggistica in Cina.

I vini più contraffatti erano quelli con etichetta Penfolds, il principale brand del gigante vinicolo australiano Treasury Wine Estates.

False anche moltissime bottiglie di Changyu, la casa vinicola cinese più antica, leader di mercato.

Non si sa se tra le bottiglie falsificate ci siano anche quelle di marchi italiani.

Mediobanca: nel 2020 fino a 2 miliardi di perdite nelle vendite di vino

26-05-2020 | News

Consueta, dettagliata fotografia del mondo del vino (nazionale e internazionale)...

Covid: le proroghe dei termini nel settore agricolo

26-05-2020 | Normative

Con il decreto n. 5779 del 22 maggio 2020 il...

Chiarimenti sulle regole di distillazione e riduzione delle rese

26-05-2020 | Normative

Venerdì 22 maggio si è tenuta una riunione convocata dal...

I consigli di Liv-ex per adattare le strategie di vendita al periodo post Covid

25-05-2020 | Trend

La pandemia Covid negli ultimi tre mesi ha radicalmente mutato...

Arriva la app per la gestione digitale della cantina

25-05-2020 | Trend

Fase 2: una “foodtech company” al fianco dei ristoratori per...

Cantina Italia, giacenze in calo del 1,5% rispetto al 14 maggio

25-05-2020 | Studi e Ricerche

Alla data del 21 maggio 2020 negli stabilimenti enologici italiani...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection