L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

L'assenzio di Pontarlier ha ottenuto l'etichetta di indicazione geografica per gli alcolici, premiando un know-how di due secoli per questo alcol della Francia orientale, come annunciato lunedì alla Commissione europea. Il nuovo nome si unirà alle 238 indicazioni geografiche di bevande spiritose già registrate a livello dell'Unione Europea.

Assenzio, la fata verde. La Commissione sottolinea che molti testi evocano "l'elisir di assenzio nella regione di Pontarlier" già nel XVIII secolo. "Questa attività cresce fino a raggiungere i 66.000 litri al giorno nel 1914. L'assenzio Pontarlier viene quindi esportato in tutto il globo e il mondo artistico parigino dell'epoca è molto coinvolto nell'entusiasmo intorno a questa bevanda", ricorda l'esecutivo dell'UE in una dichiarazione. Poi tra il 1921 e il 1988, la Francia ha vietato le bevande all'anice contenenti assenzio. La fine del divieto è sinonimo di rinascita della produzione della pianta e della bevanda nella regione di Pontarlier.

Produzione limitata. L'indicazione geografica definisce l'assenzio di Pontarlier come "uno spirito limpido, giallo chiaro, dallo spirito verde" il cui livello di alcol quando immesso sul mercato "è maggiore o uguale al 45%" e la produzione è limitata a un numero di comuni nel dipartimento del Doubs, al confine con la Svizzera. Secondo il regolamento europeo, l'indicazione geografica "indica che la bevanda spiritosa proviene dal territorio di un paese, quando una qualità, una reputazione o altre caratteristiche della bevanda spiritosa possono essere attribuite essenzialmente a questa origine geografica".

 

A Bilbao il tour virtuale della nuova mostra Kandisky

27-11-2020 | Itinerari

Il Museo Guggenheim Bilbao presenta Kandinsky, una completa esposizione di dipinti...

Fondo Ristorazione, sul Portale le Faq per i chiarimenti

20-11-2020 | News

Sono già migliaia le richieste di contributo giunte al Portale...

Quest’estate gli italiani hanno scelto per le vacanze destinazioni costiere del Bel Paese

20-11-2020 | Itinerari

Omio, l'app e piattaforma di viaggio che permette agli utenti di...

Russia: nuovi valori per le accise

10-11-2020 | Normative

La Duma ha approvato i nuovi valori delle aliquore di...

Brexit: fino al 30 giugno 2021 non sarà richiesto il certificato VI-1 per i vini

28-10-2020 | News

Ieri, 27 ottobre, il DEFRA (Department for Environment Food &...

Le novità del Dpcm firmato il 25 ottobre

25-10-2020 | News

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Follow us

  

© 2020 Federvini - Italian Federation of Industrial Producers, Exporters and Importers of Wines, Sparkling Wines, Spirits, Syrups, Vinegar

Please publish modules in offcanvas position.