Itinerari

La calabria del vino: nuovo sud, fresco sud

Descrivere la Calabria del vino vuol dire descrivere un territorio unico, una combinazione di elementi esclusivi che non la fanno simile a nessun altro luogo del vino, in Italia e nel mondo.

Il primo elemento distintivo è la sua collocazione geografica; al centro del Mediterraneo, una regione del Sud Italia, come altre più famose ce ne sono, Sicilia e Puglia in primis, la Calabria sta proprio nel mezzo.

Una lingua, la punta dello stivale Italia, circondata dal mare, circa 800 chilometri di costa la collocano fra le località balneari più ambite e fanno immaginare stagioni estive calde e siccitose.

Se poi si prova ad addentrarsi all'interno, a pochi chilometri dal mare, in poco tempo, attraversando dolci colline, la sua unicità si apre sui paesaggi silani, fino a 2.000 metri di altitudine, pianori di pascoli gialli o verdi, macchiati da pinete secolari, abbassano drasticamente le temperature.

Di colpo ci si allontana mille chilometri dal Sud caldo e si scopre che la Calabria è un fresco Sud.

Un Sud contraddittorio, complesso, estremamente variabile e versatile, che offre tanti e diversi paesaggi e climi in pochi chilometri, mare, caldo, collina, fresco, montagna, freddo.

Quale vino in Calabria quindi?

Leggi tutto...
 

Slow trekking e DOCG dell’Irpinia

Rustica e selvaggia, dalla natura prorompente e incontaminata dei Monti Picentini, l’Irpinia verde è anche la terra dei tre Docg della Campania: Taurasi, Greco di Tufo e Fiano di Avellino. Un Itinerario perfetto per gli amanti del trekking e del buon bere. Partiamo da Taurasi, la città che ha dato il nome al primo docg, per degustare l’omonimo vino color rubino tendente al granato in una delle storiche cantine del posto, occasione giusta anche per visitare l’interessante centro storico e il castello normanno. La Seconda tappa nel nostro viaggio è Tufo per sorseggiare il Greco, che nasce da uno dei più antichi vitigni. Decantato da Plinio e raffigurato in un famoso affresco di Pompei dalla zona vesuviana ha trovato la sua terra ideale in Irpinia. A Tufo la splendida grotta di San Michele con la sua aura magica merita una visita. Una giornata intera la dedichiamo alla natura con l’emozionante passeggiata sui Piani di Pollaro. Si parte dalle sorgenti Sanità di Caposele con le guide del posto per imboccare il sentiero delle sette fontane che, durante il tragitto, regalano agli esploratori un’acqua freschissima, la passeggiata dura circa 4 ore ma ne vale davvero la pena. L’ultima tappa è alla scoperta del Fiano, il vino bianco che affina negli anni. Atripalda è un ottimo posto per farsi inebriare dal suo sapore fresco e armonico, poco distante Sorbo Serpico. Le due cittadine danno ospitalità ad alcune delle più interessanti cantine del territorio. Buona bevuta a tutti!

continua a leggere su www.incampania.com

 

Marche, le strade del vino

La via del Rosso Conero è una chiave di lettura del territorio del Conero e dei suoi caratteri. La strada attraversa Ancona, capoluogo delle Marche, e tocca varie località quali Osimo, ricca di antiche testimonianze, quali le tredici statue romane conservate nel palazzo municipale,

Leggi tutto...
 

Pagina 1 di 2

<< Inizio < Prec 1 2 Succ > Fine >>

Federvini - Via Mentana 2/B, 00185 Roma - Telefono +39.06.49.41.630  +39.06.44.69.421 - Fax +39.06.49.41.566 - C.F. 01719400580

Federvini copyright 2012